ManagementSaggi

“Reinventing organizations” by Frederic Laloux

Complexity Management Literacy Meeting 2015

“Reinventing organizations”

Per il Complexity Management Literacy Meeting 2015, Aurelio Riccioli ha presentato come Libro consigliato

“Reinventing organizations”

di Frederic Laloux

pubblicato nel 2014

da Nelson Parker (non ancora tradotto in italiano)

Literacy-Meeting-2015-Aurelio Riccioli

Ecco perché Aurelio Riccioli consiglia questo libro:

Una disamina dei modelli di leadership e organization design suggestiva ed eretica ma, al tempo stesso, stimolante e soprattutto convincente. Frederic Laloux, l’Autore, parte dall’interpretazione dell’evoluzione delle forme organizzative umane in quanto riflesso del livello di sviluppo interiore degli individui che ne fanno parte. Quindi, con una approfondita ricerca sul campo, cerca di identificare le forme più mature già esistenti – o che cercano di manifestarsi – all’apice della piramide evolutiva. E qui fa una scoperta sorprendente. Queste organizzazioni esistono da tempo – in alcuni casi da decadi -, riguardano business molto diversi tra loro, in paesi e culture eterogenei e con dimensioni che vanno da poche centinaia fino a decine di migliaia di collaboratori. Sono strutture, senza gerarchia, organigrammi, budget, controlli, che si auto-organizzano e agiscono nell’ambiente economico e sociale come individui autonomi, senzienti e dotati di una propria volontà – o per dire meglio, una finalità. Nella terminologia di Laloux, sono le “teal organization”. Egli ne descrive quindi le strutture, le pratiche e le varie sfaccettature culturali in cui si manifesta il paradigma dell’auto-organizzazione. Illustra quali siano le condizioni per creare una “teal organization” da zero, ovvero come traghettare verso di essa una organizzazione esistente (“tradizionale”) in parte o completamente.
E’ interessante osservare come queste organizzazioni nella loro fenomenologia siano in grado di far emergere comportamenti complessi a fronte di poche, semplici ma chiare regole cui i loro singoli individui devono attenersi. Una modalità dell’agire che a tendere potrebbe portare ad ulteriori evoluzioni ad esempio del concetto di proprietà dell’impresa che Laloux evocativamente indica come stewardship. Il che a sua volta ricorda ciò che già cento anni fa un filosofo austriaco, Rudolf Steiner, aveva preconizzato nella sua tripartizione sociale.
I risultati economici di queste imprese sono considerevoli ed indiscutibili. L’appagamento interiore dei collaboratori delle teal organization, è ancor maggiore ed incontrovertibile.

SCARICA LA SCHEDA DEL LIBRO “Reinventing organizations” consigliato da Aurelio Riccioli

Per approfondimenti sul Complexity Management Literacy Meeting 2015: CLICCA QUI!

Complexity Literacy Meeting 2015

Most books on organizations are written for people hoping to find the secret key to gaining market share, beating competition and increasing profits. They offer advice on how to better play the game of success within the current management paradigm.
“Reinventing Organizations” comes from a different place. It is written as a handbook for people (founders of organizations, leaders, coaches, and advisors) who sense that something is broken in the way we run organizations today and who feel deeply that more must be possible… but wonder how to do it.

(For whom it is written – http://www.reinventingorganizations.com/)


Ecco alcune recensioni del libro: