Saggi

“Cairo calling” di Claudia Galal

Cairo Calling - Claudia Galal

In occasione dell’evento Conoscenza in Festa di Udine ed all’interno del Festival della Complessità, il Complexity Institute nei giorni di venerdì 1 e sabato 2 luglio 2016 organizza un Complexity Literacy Meeting dedicato al tema della conoscenza e dei suoi limiti:

Dialoghi Letterari su Conoscenza e Ignoranza

Per vedere il programma del Complexity Literacy Meeting di Udine: clicca qui!

Cosa sono i Complexity Literacy Meeting?

  • Complexity” è il modo in cui vengono declinati i libri presentati e le domande che vengono poste
  • “Literacy” è la diffusione della cultura attraverso la lettura ed il dialogo attorno ai libri
  • Meeting” è un’occasione di incontro, di conoscenza tra le persone e di apprendimento personale

Complexity Literacy Meeting combinano presentazioni di libri sia di saggistica che di narrativa, sia “classici” che appena pubblicati, distinguendo tra i libri che si sono letti, i “Libri consigliati dai Lettori”, ed i libri che si sono scritti, “I Libri presentati dagli Autori”. Alle presentazioni fanno seguito i dialoghi con i partecipanti sui temi presentati, per approfondirne ulteriormente i vari aspetti.

Conoscenza in Festa 2016

Tra i “Libri Presentati dagli Autori”, Claudia Galal presenta il suo libro:

“CAIRO CALLING. L’underground in Egitto prima e dopo la rivoluzione”

pubblicato nel 2016

con AGENZIA X

Ecco una breve descrizione dei contenuti del libro (dalla bandella laterale del libro):

Il Cairo chiama ancora, ci chiama da lontano, dalla sua civiltà millenaria, dalla posizione strategica, nel settore più delicato della scacchiera geopolitica del conflitto mondiale. Il Cairo ci chiama perché è una megalopoli dove si concentrano le contraddizioni e le diseguaglianze più atroci del nostro presente, ci chiamano le sue sterminate periferie, dove vive un popolo orgoglioso tenuto nell’ignoranza da troppo tempo. Ci chiama il suo tentativo di sollevarsi e dopo tre anni di regime paranoico ci chiede attenzione e solidarietà.
Questo libro, scritto da una donna italiana con padre egiziano, ripercorre cinque anni trascorsi dalla rivolta del gennaio 2011, gli istanti di speranza o di ansia tra una telefonata, un aggancio a skype, un messaggio, le voci dei parenti, dei tanti amici writer e musicisti che le spiegano la situazione, poi due viaggi in Egitto con il registratore in mano a esplorare l’underground. Un memoir affettivo nel quale s’intrecciano fatti di cronaca, vicende personali, luoghi, incontri, immaginari e riflessioni.
Qui si sente il respiro del Nilo, il vento che soffia su piazza Tahrir e per le vie affollate di Downtown, su e giù per i viali di Zamalek e per i quartieri più popolari, ma soprattutto si ascoltano le voci di una scena controculturale in fermento che tenta ancora oggi di organizzare battaglie in nome della libertà d’espressione e per la parità dei diritti.

COMPLEXITY-LITERACY-750

Quali sono secondo Claudia Galal le possibili declinazioni in ambito sistemico e complesso che scaturiscono dalla lettura del libro:

Questo libro può avere diverse dimensioni di lettura – memoir affettivo, inchiesta giornalistica, ricerca socio-antropologica, report di viaggio, saggio su arte e cultura underground – perciò può aprire momenti di confronto con vari ambiti dell’esplorazione intellettuale, in direzione di una fruizione più leggera e immediata o, viceversa, di un dibattito più approfondito con le scienze sociali e la critica artistica.

SCARICA LA SCHEDA DEL LIBRO “CAIRO CALLING. L’underground in Egitto prima e dopo la rivoluzione”

>> Per saperne di più sui Complexity Literacy Meeting: leggi qui!

LOGO_fondo color_300


per informazioni:
complex.institute@gmail.com

Cell. +39-327-3523432


Per approfondimenti:

>> Guarda il video di presentazione:

>> Ascolta l’intervista a Claudia Galal: